Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Via Vito Volterra, 190 - 00146 Roma - tel 06/5561909

Ufficio di Segreteria
via Salvatore Pincherle, n.140 - tel. 06/5566256 - fax 06/55369476
e-mail: rmic8ch00a@istruzione.it 

 

Progetto Infanzia 17-18

Le foto del progetto dello scorso anno

PERCORSI FORMATIVI
SCUOLA DELL'INFANZIA

Tutti i saperi che la scuola Primaria e la Scuola Secondaria di I grado svilupperanno negli anni, trovano la loro radice nelle capacità di base che la Scuola dell’Infanzia educa e sollecita, quali le capacità di:
• vivere con gli altri
• osservare le regole della comunità
• comunicare con i coetanei e gli adulti
• saper ascoltare
• scoprire le realtà circostanti
• muoversi in modo appropriato
• acquisire margini di autonomia sempre più ampi


La Scuola dell’Infanzia risponde ai bisogni di autonomia, identità e apprendimento delle bambine e dei bambini e basa la propria attività didattica sul fare e l’agire, attraverso i “campi di esperienza” quali:

• il sé e l’altro
• corpo in movimento
• linguaggi, creatività, espressione
• i discorsi e le parole
• la conoscenza del mondo

   
   

 

La scuola dell’Infanzia progetta e programma:

• i momenti quotidiani della giornata
• le azioni e i tempi
• il rispetto dei tempi e dei ritmi di ciascuno
• le occasioni di ricerca e di sperimentazione
• la narrazione e il racconto
• i momenti e i modi dello scambio verbale
• l’incontro dei bambini con il mondo intorno alla scuola
• la scoperta della cultura e l’incontro con le nuove tecnologie
• l’osservazione e la ricerca
• l’uso dei linguaggi del corpo, espressivi e manipolativi
• il raccordo con l’asilo nido e la scuola elementare
• l’informazione e il coinvolgimento dei genitori
• le attività alternative alla religione cattolica
• la compresenza delle docenti in determinati momenti della giornata
• momenti di lavoro di sezione
• momenti di lavoro per gruppo omogeneo per età
• momenti di lavoro di intervento individualizzato
• flessibilità nella conduzione delle attività di laboratorio

Il gioco è prevalente in ogni attività didattica