Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Livio Tempesta
Nacque a Roma il 20 novembre 1941, mentre infuriava sul mondo il turbine dell'odio. Per poco non ne rimase egli pure vittima, durante il bombardamento aereo del 19 luglio 1943, che si abbattè sul quartiere tiburtino, dove abitava. A due anni la vista del presepio gli accese in cuore una fiamma inestinguibile per Gesù Bambino, cui si sentì attratto a rassomigliare nella semplicità e nel candore. Non sapeva capacitarsi come vi fossero bambini cattivi. Iniziato a cinque anni il corso elementare, presso i Fratelli delle Scuole Cristiane, a meno di nove già frequentava la quinta. Colpito, il 23 dicembre 1950, da inesorabile malattia, volava, sull'alba del 7 gennaio, tra gli angeli. Del nome di lui già si fregiano colonie e associazioni Cattoliche e nel suo nome vengono assegnati ogni anno i premi delle bontà.